Fenice risana e ristruttura ogni tipo di copertura

Nuova sede aziendale a Bussolengo

Lavori in corso per sistemare la nuova sede

Ci stiamo preparando per il trasloco nella nuova sede di Bussolengo

Dopo aver allestito i nuovi uffici, installato gli scaffali metallici, preparato gli spazi necessari per il magazzino, siamo pronti al trasloco nella nuova sede di Via Cà di Mezzo 147/c a Bussolengo (VR).

Entro pochi giorni saremo pronti per il trasferimento definitivo.

Comincia un nuovo capitolo della nostra storia.

Per preventivi visitate il nostro sito https://www.fenicecoperture.it/

fenice-magazzino-lamiera

 

Riqualifica la tua casa con il superbonus 110%

Il Decreto Rilancio n.34 del 19 maggio 2020, convertito in legge n.77 del 17 luglio 2020, prevede l’incremento delle agevolazioni fiscali per chi effettua interventi di efficientamento energetico e/o antisismico.

Come usufruire del superbonus?

DETRAZIONE FISCALE:

Paghi i lavori, acquisisci le attestazioni tecniche necessarie previste dalla normativa, e ottieni la detrazione del 110%, distribuita in 5 anni, nella tua dichiarazione dei redditi.

SCONTO IN FATTURA:

Scegli per lo sconto in fattura e la cessione del credito d’imposta all’impresa che effettua i lavori.

l’impresa potrà ottenere la liquidità necessaria per effettuare i lavori chiedendo un finanziamento e potrà cedere il credito d’imposta.

CESSIONE DEL CREDITO:

Paghi i lavori e cedi il credito d’imposta.

Quali sono gli interventi?

Interventi di riqualificazione energetica.

Interventi antisismici.

Impianti fotovoltaici.

Colonnine di ricarica di veicoli elettrici.

Chi sono i beneficiari?

Il superbonus si applica agli interventi effettuati da : condomini, persone fisiche, istituti autonomi case popolari, cooperative di abitazione a proprietà indivisa, onlus e associazioni di volontariato e associazioni e società sportive dilettantistiche.

Per informazioni: Ciro De Carli, intermediario assicurativo, ciro.decarli@gmail.com o visita il sito https://drive.google.com/file/d/1ymw77Gz_qgXVGvRAYs6AU68dmJ_mDC16/view?usp=sharing

https://www.fenicecoperture.it/

 

 

Bando UE sul Green Deal europeo

In breve

Il Bando Ue sul Green Deal europeo finanzia progetti di R&I che affrontano la crisi climatica e assicurano maggiore protezione per l’ambiente e la biodiversità europei.

Approfondimenti

Nell’ ambito del programma UE di ricerca e innovazione Horizon 2020, la Commissione europea ha pubblicato il bando “Building a low-carbon, climate resilient future: Research and innovation in support of the European Green Deal“.

La call rappresenta un contributo diretto al perseguimento degli obiettivi fissati dalla Commissione riguardante il bando UE sul Green Deal europeo.

In questo contesto, il bando risponde alle esigenze di affrontare la crisi climatica e di assicurare maggiore protezione per l’ambiente e la biodiversità del continente.

Allo stesso tempo, la call si colloca nel quadro del piano ripresa dell’Europa, adottato in risposta agli effetti della crisi legata al virus.
Il bando si suddivide in 10 temi che individuano, al loro interno, uno o più topic riguardanti specifiche innovazioni tecnologiche e sociali.

Le seguenti 8 aree tematiche si soffermano sugli aspetti principali del Green Deal:

– Area tematica 1: Accrescere le ambizioni climatiche: sfide intersettoriali.
– Area tematica 2: Energia pulita, economica e sicura.
– Area tematica 3: Industria per un’ economia pulita e circolare.
– Area tematica 4: Edifici efficienti sotto il profilo energetico e delle risorse.
– Area tematica 5: Mobilità sostenibile e intelligente.
– Area tematica 6: Strategia Farm to fork.
– Area tematica 7: Biodiversità ed ecosistemi.
– Area tematica 8: Ambiente privo di emissioni tossiche e a inquinamento zero.

Le restanti 2 aree orizzontali offrono, invece, una prospettiva di lungo termine per la realizzazione degli obiettivi stabiliti nel Green Deal europeo:

– Area orizzontale 9: Rafforzare le conoscenze a supporto del Green Deal europeo.
– Area orizzontale 10: Responsabilizzare i cittadini per la transizione verso un’Europa sostenibile e climaticamente neutrale.

Nel complesso, il bando sostiene 8 azioni di ricerca e innovazione (RIA), 2 azioni di coordinamento e supporto (CSA) e 13 azioni di innovazione (IA).

La call mette a disposizione un budget indicativo complessivo pari a 983 milioni di euro.

Il tasso di cofinanziamento varia a seconda della tipologia di azione ed è pari:

– al 100% dei costi eleggibili per le azioni di ricerca e innovazione (RIA);
– al 70% dei costi eleggibili per le azioni di innovazione (IA) tranne che per gli enti senza scopo di lucro (per i quali si applica un tasso di cofinanziamento pari al 100% dei costi eleggibili);
– al 100% dei costi eleggibili per le azioni di coordinamento e supporto (CSA).

La scadenza per la presentazione delle domande è fissata al 26 gennaio 2021.

Fonte “Confindustria Verona”: https://www.confindustria.vr.it/

https://www.fenicecoperture.it/

Decreto “Agosto”

Ulteriore rateazione dei versamenti sospesi in scadenza il 16 settembre 2020

Il Decreto “Agosto” cambia le scadenze dei versamenti sospesi nei mesi di marzo, aprile e maggio scorsi concedendo ai contribuenti tempi più lunghi per effettuarli.

Il Decreto allunga i termini per i versamenti sospesi dai vari provvedimenti legati all’emergenza Coronavirus, la cui scadenza era stata, da ultimo, prorogata al 16 settembre dal Decreto “Rilancio”.

Tali versamenti potranno essere effettuati, senza applicazioni di sanzioni e interessi seguendo due modalità.

1- Per un importo pari al 50% del dovuto in un’unica soluzione entro il 16 settembre 2020 o in 4 rate mensili di uguale importo. Con il versamento della prima rata entro il 16 settembre 2020.

2- Per il residuo 50% in un massimo di 24 rate mensili di pari importo. Con il versamento della prima rata entro il 16 gennaio 2021.

Gli importi sospesi che sono stai già versati non possono essere richiesti a rimborso.

Per maggiori informazioni sul Decreto “Agosto”  visitare in sito di Confindustria Verona: https://www.confindustria.vr.it/

https://www.fenicecoperture.it/

 

 

 

Superbonus 110% edilizia

Circolare dell’Agenzia delle Entrate e Provvedimento per la cessione del credito

Si completa il pacchetto dei provvedimenti attuativi necessari per la concreta applicazione del Bonus introdotto dal “Decreto Rilancio”.

Per utilizzare lo “sconto in fattura” o la cessione del credito deve essere inviata una comunicazione all’Agenzia delle Entrate.

Ciò può essere fatto a partire dal 15 ottobre 2020 ed entro il 16 marzo dell’anno successivo a quello in cui si sostiene la spesa.

I cessionari e i fornitori possono utilizzare il credito d’imposta sulla base delle rate residue non utilizzate dall’originale beneficiario, esclusivamente in compensazione.

Gli stessi possono, inoltre, cedere i loro fondi ad altri soggetti compresi gli istituti di credito oppure ad altri intermediari finanziari.

L’imposta è utilizzabile dal giorno 10 del mese successivo alla corretta ricezione della comunicazione e non prima del 1° gennaio dell’anno successivo a quello in cui sono sostenute le spese.

Anche i familiari e i conviventi del possessore dell’immobile posso usufruire dell’agevolazione a patto che siano conviventi o alla data di inizio lavori o al momento del sostenimento delle spese.

https://www.fenicecoperture.it/

https://www.confindustria.vr.it/confindustria/verona/news.nsf/($linknewsletter)/156F9973C95D9564C12585CF002E4F1C?opendocument&login

 

 

Partnership Olimpia Ponte Crencano

Stagione calcistica 2020-2021

Collaborazione Olimpia Ponte Crencano

Siamo felici di collaborare con la società calcistica Olimpia Ponte Crencano per la stagione calcistica 2020-2021.

Nonostante l’emergenza Coronavirus la squadra di mister Giordano Rossi è riuscita a raggiungere una storica promozione in prima categoria.

Un grosso in bocca al lupo a tutti i ragazzi, alla società e al mister per la stagione che sta per iniziare.

 

dirigenza-olimpia-ponte-crencano

 

Pioggia e grandine si abbattono su Verona

E’ necessario adeguare gli scarichi idrici delle coperture per poter far fronte alle conseguenze del cambiamento climatico.

Domenica 23 agosto si è abbattuta su Verona una vera tempesta tropicale che ha messo a dura prova tutta la provincia; nel centro storico si sono contati 18 millimetri in cinque minuti, sul lago di Garda ne sono stati calcolati 40 in mezz’ora, con un vento che in certi momenti ha superato i 105 km/h.

Negli ultimi mesi non è la prima volta che un temporale mette in ginocchio la provincia.

Ormai da tempo nella nostra impresa stiamo adeguando i sistemi e gli impianti che permettono lo scarico delle acque piovane dalle nostre coperture.

Canali di gronda, converse, pluviali, tutto il sistema è messo in gioco ed è per questo che bisogna riconsiderare il modo di fare coperture.

Il nostro ufficio tecnico è a disposizione in caso di necessità.

https://www.fenicecoperture.it/

temporale-fenice

coperture-pioggia-pluviali

Partnership Hellas Verona

Stagione calcistica 2019-2020 

Collaborazione Hellas Verona F.C.

Nonostante la stagione non sia stata delle migliori causa coronavirus, ci ha fatto molto piacere collaborare con la società calcistica Hellas Verona.

Complimenti ai ragazzi, al mister e alla società per il grande impegno messo dentro e fuori dal campo.

Speriamo di tornare presto a esultare con voi, grazie ancora per le emozioni regalate in questa stagione.

https://www.hellasverona.it/

 

Come evitare i colpi di calore in cantiere

Per evitare eventuali colpi di sole in cantiere è necessario seguire un protocollo di sicurezza che viene consigliato anche dallo Spisal della USL  Scaligera.

COLPO DI CALORE MISURE DI PREVENZIONE CHE IL DATORE DI LAVORO DEVE METTERE IN ATTO

Nel periodo estivo, in particolare nel mese di agosto, i lavoratori che operano in ambienti esterni e nelle ore più calde della giornata devono prestare particolare attenzione al calore. Il datore di lavoro ha l’obbligo di informare i propri dipendenti di questo rischio. Gli operai rischiano: svenimenti, disidratazione, crampi e colpi di calore.

Il datore di lavoro deve cercare di non fare lavorare i propri operai nelle ore più calde, concentrandosi maggiormente sulla mattina e sul tardo pomeriggio.

Tuttavia, non tutti possono spostare il proprio orario lavorativo e per questo il dirigente deve inoltrare e spiegare, se necessario, tutto ciò che ci viene consigliato per prevenire al meglio queste situazioni.

Visto che negli anni passati, in provincia di Verona, si sono verificati anche dei casi di decessi in seguito a colpi di calore i lavoratori devono essere messi nelle migliori condizioni possibili per lavorare al meglio all’interno del cantiere e anche negli uffici.

COME PREVENIRE I SINTOMI DEL CALORE ESTIVO?

Il Ministero della Salute ci consiglia di: avere sempre a disposizione acqua, meglio se fresca, così da mantenere il corpo sempre ben idratato; usare cappelli che coprano bene tutta la testa e le orecchie, oltre ad usare un abbigliamento il più leggero possibile e con materiali che facciano passare aria; fare maggiori pause rispetto al solito; cercare di dare maggiore riposo a chi ne ha più bisogno; alternare le mansioni per diminuire le esposizioni.

Se durante l’attività lavorativa compaiono sintomi di disidratazione si consiglia di prendere una pausa di riposo, meglio se in una zona ombreggiata; e, se il problema non scompare, rivolgersi il prima possibile ad un medico. Resta comunque importante che ogni operatore, in accordo con il datore di lavoro, compia tutte le attività di prevenzione necessarie.

Continua leggendo il pdf in allegato da scaricare o vai alla pagina Spisal.
COLPO DI CALORE

Contributo per Efficientamento Energetico

Contributo per Efficientamento Energetico:

Bando per l’erogazione di contributi finalizzati all’efficientamento energetico delle piccole e medie imprese.

Il presente Bando dà attuazione all’ASSE Prioritario 4 “Sostenibilità energetica e qualità ambientale”.

Obiettivo Specifico: “Riduzione dei consumi energetici e delle emissioni nelle imprese e integrazione di fonti rinnovabili “.

Con la presente bando la Regione del Veneto concorre a realizzare gli obiettivi della strategia “Europa 20-20”.

Gli interventi previsti dal presente Bando devono essere realizzati nel territorio della Regione del Veneto.

Sono ammesse alle agevolazioni le micro, piccole e medie imprese (PMI).

Interventi ammissibili:

Interventi diretti all’efficientamento energetico negli edifici delle unità operative (es. infissi, isolanti, materiali per l’eco-edilizia),

Non sono ammissibili a contributo gli interventi di natura strutturale sugli immobili.

Il progetto ammesso all’agevolazione deve essere concluso e operativo entro il termine perentorio del 10 maggio 2022.

L’agevolazione, nella forma del contributo a fondo perduto, è pari al 30% della spesa rendicontata ammissibile.

L’agevolazione è concessa:

  • nel limite massimo di euro 150.000,00
  • nel limite minimo di euro 24.000,00

Non sono ammesse domande di partecipazione i cui progetti comportano spese ritenute ammissibili per un importo inferiore a euro 80.000,00.

Fonte: https://bandi.regione.veneto.it/Public/Dettaglio?idAtto=4377